Home > Blog > Cosa significa “aflamencar”?
sevillana tocando las palmas

Nel mondo del flamenco ci sono molte espressioni e termini che non usiamo quotidianamente. Uno di questi è “aflamencar”, di cui molti non conoscono il significato. L’idea è quella di prendere le caratteristiche della musica e del canto flamenco e applicarle a un tema, sia per mezzo del metro che dell’intonazione.

Una risorsa utilizzata da una moltitudine di artisti per aggiungere sonorità al loro repertorio, dando personalità alle loro interpretazioni, ampliando così la loro versatilità e capacità interpretativa, ma senza entrare pienamente nel mondo del flamenco tradizionale. Grazie a ciò, le melodie possono essere flamencate per fondere gli stili ed eseguire brani con un’impronta personale.

Ma non sono solo le canzoni a poter essere flamencate, ma anche le danze. Tutti i movimenti possono essere flamencati e andare oltre le posture classiche. Per farlo, è sufficiente studiare i movimenti, i concetti e le forme e cercare di renderli flamenchi.

Che tipo di musica può essere flamenchizzata?

Il flamenco è uno dei principali segni di identità del nostro Paese. Molti ritengono che sia qualcosa che nasce dall’interno, senza bisogno di una grande conoscenza teorica della musica. È sufficiente lasciare che il duende venga fuori e accompagnare il canto con una chitarra o semplicemente con il battito delle mani.

Tuttavia, un altro modo per avvicinarsi al flamenco è quello di innamorarsene attraverso i diversi palos musicali e cercare di portarlo nella nostra specialità, che sia il violino, il flauto, il pianoforte o la tromba. Ma anche flamenchizzando le melodie che suoniamo. Il cante aflamencado può essere portato, ad esempio, al rock, al jazz, alla rumba, al blues o all’hip hop, e creare fusioni sorprendenti. Praticamente qualsiasi canzone può essere flamenchizzata con tocchi di flamenco. Questo è noto come Giovane flamenco o nuovo flamenco.

Come è nata la musica flamenca?

La procedura di aflamencar una melodia non è complicata. È sufficiente rallentare il tempo e adattare la melodia al cante jondo. In realtà, la musica flamenca non è una novità. Nei primi anni del flamenco, a causa della necessità di stili da parte di artisti professionisti, venivano prese canzoni e il ritmo veniva adattato per renderlo più lento e abbellito con tocchi di flamenco, dando origine allo stile che conosciamo oggi.

Ma la musica flamenca ha iniziato a svilupparsi soprattutto negli anni ’80, un periodo caratterizzato dallo spirito di protesta della gioventù spagnola. Il flamenco è stato influenzato da stili come il jazz, il pop, il rock o il blues e ha finito per fondersi con alcuni di essi, grazie ad artisti come Paco de Lucía e Camarón, che sono riusciti a reinventare il flamenco con nuovi ritmi e suoni, attirando migliaia di seguaci.

Con il passare del tempo, la voce flamenca è diventata sempre più importante nella scena musicale odierna, soprattutto con l’arrivo di nuovi artisti come Rosalía, Dellafuente, El Niño de Elche e María José Llergo, che hanno portato questo tipo di musica a un altro livello. Uno stile nuovo, più melodico e orientato al commercio, più accettato dal pubblico di massa rispetto al flamenco originale. E, come per i nuovi stili musicali di oggi, spesso include l’uso della tecnologia. È molto comune trovare una base techno in tutto il brano, mentre sopra di essa si sente chiaramente la caratteristica voce flamenca, che si distingue per i suoi colpi di scena.

In breve, la musica flamenca è nata dalla necessità di reinventarsi. Paco de Lucía e Camarón ne sono stati i promotori, combinando le radici tradizionali con il rock e il pop. Alcuni dei cantanti di maggior successo del Paese stanno attualmente promuovendo questo genere, che ha già migliaia di seguaci.

Condividetelo! [sharethis-inline-buttons]

Pubblicazioni in evidenza